DAREDEVIL #17-18 – SETTEMBRE 2017 (RECENSIONE)

La nostra testata è sempre quindicinale. Il menu, però, varia.
Nel primo round di settembre insieme a Daredevil e Punisher abbiamo come sempre Luke e Danny.
Nel secondo round di settembre insieme a Daredevil e Punisher, abbiamo il primo ciclo di Iron Fist.
Ah, ovviamente come fanalino di coda c’è sempre Elektra con la Mano (per l’ultima volta).

DD 19

– DAREDEVIL: PORPORA PARTE 3-4 (Daredevil #19-20, vol.5)
Adesso sto decisiamente meglio, finalmente è terminato il ciclo in cui veniva spiegato come ma il nostro Diavolo era tornato a New York con tanto di identità segreta (dopo la rivelazione nella run di Waid).
Il primo numero è geniale, “girato” al 80% dentro la mente di Matt Murdock, per colpa di Killgrave.
La cosa che amo di più? I collegamenti con le run precedenti.
L’ultima parte è stato un colpo al cuore, la conclusione di un viaggio durato quasi due anni.
E’ tutto molto convincente, non ci sono diavoli, ne demoni, magie o patti e questo mi rende davvero felice.
Killgrave, Padre Jordan, la confessione, il modo di raccontare il tutto tramite flashback. Un finale con Kirsten che fa riflettere molto sul passato di Matt, sui rischi, sulle colpe, conseguenze, sulle responsabilità.

VOTO: 9

DD 20

 

– THE PUNISHER: ON THE ROAD – PARTE 6/ LA FINE DELLA PISTA – PARTE 1
(The Punisher #6-7, vol. 10)

Punisher è in guerra contro Condor, una squadra di mercenari che contrabbandano (e creano) l’EMC, una droga che rende più forti, veloci e insensibili al dolore. Dopo aver compiuto una strage in un magazzino di Condor, a New York, Punisher, grazie all’aiuto di Olaf, ottiene una lista delle operazioni dell’organizzazione.
Frank cerca Faccia e i suoi scagnozzi, Faccia cerca Frank, la D.E.A. (Ortiz e Henderson) cerca Castle.
Bazooka, esplosioni, tanti morti e “zombie”. Henderson muore, l’agente Ortiz non ci sta e cerca in maniera personale il caro Frank, dato per morto da tutti. Ci buttiamo nel passato di Castle con le sue guerre.
Salutiamo per l’ultima volta il caro Dillon, che può piacere come può non piacere ma è un CULT.

VOTO: 8

3

– POWER MAN & IRON FIST: HARLEM BRUCIA – PARTE 6
(Power Man & Iron Fist #15, vol. 3)

Alex Wilder è venuto ad Harlem per ricostruire Orgoglio, una famiglia criminale molto potente. Con l’aiuto di Agnitus, un software sovrannaturale in grado di modificare e cancellare i precedenti penali della gente, ha radunato una squadra. Luke e Danny devono fermare la guerra che sta per scoppiare. Jessica, a quanto pare abbandona Luke, e Alex si vuole trasformare nel Grande Maestro della Magia di Strada, infatti sta spacciando droga magica, utilizzando sangue di demone. Jennie si ribella e Luke e Danny sono alle prese con il demone.
Cadono entrambi (insieme a noi) in una dimensione infernale tra mostri e creature assurde.
Pugni, comicità e sano trash; Viene distrutto tutto, ma l’unica cosa intatta è l’amicizia tra Luke e Danny.
Termina qui questo cammino con le trame bizzarre di Walker, i disegni pazzi di Greene, Luke & Co.

VOTO: 8

– IRON FIST: LA PROVA DEI SETTE MAESTRI – PARTE 1
(Iron Fist #1, vol.5)

4

Comincia qui il nostro cammino con Iron Fist, questo primo ciclo scritto da Brisson e disegnato da Mike Perkins.
L’inizio sembra sicuramente molto interessante, il nostro solito Danny Rand, confuso (ora più che mai).
Non sa chi è (oltra al solito mantra “sono Iron Fist, protettore di K’un-Lun, ecc..ecc) e vuole cercare se stesso fra lotte, pugni e sacrifici ma nessuno è degno quanto lui e vince facile fino a quando non incontra Choshin, un forte lottatore con un bel codino (ma pelato) che lo invita a questo torneo (la prove dei sette maestri).
Torneo che si disputa a Liu-Shi, e comincia il viaggio (senza poteri)…

VOTO: 8

– ELEKTRA – THE HAND: L’ULTIMA GOCCIA PARTE 1-2
Una miniserie incentrata sulla nascita, sulle origini della Mano. Tutto parte nel 1575, in Giappone, Kagenobu, un bimbo, cerca di salvare la madre commettendo un omicidio ma la colpa se la prende tutta la madre scappando. Da uomo adulto torna in paese e trasforma la scuola in un campo di addestramento per assassini e guerrieri, con l’idea di rovesciare il governo. Arriva una certa Eliza. Vuole essere addestrata per vendicarsi della morte della madre e insieme a Kagenobu uccidono per la Mano tutti gli stranieri che trovano nel loro passaggio.
La Mano sta per crearsi ma resta l’ostilità nei confronti dei stranieri come Eliza e il padre viene ucciso.
Kagenobu ed Eliza sono contro tutti. Kagenobu muore, Eliza si sacrifica e la storia si ripete.
Elektra capisce che la Mano ha sempre fatto questo ‘gioco’ e inizia il ciclo di resurrezione.
Una storia che di interessante ha davvero poco, sicuramente l’ultima cover (un tributo a Klimt).

VOTO: 5

Alla prossima diavolacci!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...